Scultura in Marmo

Estratti dalle viscere della generosa terra versiliese e portati alla luce del sole, preziosi e compatti massi marmorei vengono abilmente tramutati in emozione, forma, arte sublime. È la maestria della scultura, sovrana tra le arti decorative, che impregna di passione le straordinarie botteghe degli artigiani di Pietrasanta.

Ancorati ad una sapienza tramandata da lunghe generazioni, oggi viva più che mai, da Massa Carrara a Forte dei Marmi, bottega dopo bottega, artigiano dopo artigiano, sanno affascinare e ricondurre la mente del visitatore ad un tempo passato ma mai finito. E viene alla mente la timorosa emozione che trasmette il Re Davide col suo corpo perfetto e teso dal tormento, col volto espressivo, ingannevole del sentimento di un condottiero in attesa del suo temibile avversario. E viene alla mente la mistica Pietà, impressionante e melanconica, e il “perché non parli?” del Maestro che le scaglia contro il martello. E viene alla mente il disteso Cristo Velato, l’ombra marmorea che lo avvolge e ne lascia inalterata l’incredibile percezione di trasparenza. Finzione? No, è realtà. Maestria, abilità, dote e soprattutto immensa passione: quello stesso sentimento che muove gli artigiani di Pietrasanta.
Partire da un più morbido modello, affidato alle botteghe versiliesi degli artigiani della creta, per poi passare al marmo e sbozzare, formare, modellare, levigare, lucidare con l’impiego di scalpello e martello, poi di raspa e lima, poi di olii e cere per giungere all’oggetto plasmato e fulgido. Sia esso la fedele riproduzione di un’opera classica o moderna oppure la realizzazione di un nuovo soggetto contemporaneo, il risultato incanta sempre.
Dal sacro al profano, dal figurativo al monumentale, dal gioioso al funerario e poi avanti, dai bassorilievi agli altorilievi, dai capitelli alle colonne, dai caminetti alle fontane, dai vasi agli ornati: Pietrasanta è un pullulare di idee, un laboratorio unico e ripartito in botteghe, un luogo d’eterna memoria che volge uno sguardo attento al futuro.
Nulla è lasciato al caso. Perfino l’impiego del tornio per lavorare marmi, graniti, onici e l’uso di robot per restaurare e riportare ogni antica scultura all’originario splendore, contribuiscono al lavoro di questi artigiani che a pieno titolo devono essere considerati artisti eccellenti e ormai davvero rari.
Sono molti gli architetti e i designers che si rivolgono a tale specifica competenza per vedere tradotte in arte compiuta le loro idee progettuali. Per interni ed esterni, per lavori privati e pubblici, per alberghi e altri esercizi, per uffici e perfino per yacht, l’universo delle destinazioni è vasto e molteplice.
E come non soffermarsi sul mondo liturgico? Da sempre attento alla scultura come mezzo di trasmissione di emozioni ed evocazioni religiose, fino a considerarla un mezzo insostituibile di figurazione del culto, ogni luogo sacro ne richiama la presenza. E in molti di essi c’è già l’impronta artigianale della Versilia, sia essa riversata su un restauro oppure su una nuova opera.
L’Associazione Artigianart di Pietrasanta, fiera della qualità dei suoi artigiani del marmo, ne ha raccolto le aspettative unendoli in un percorso produttivo che si è affermato in ogni angolo del mondo. Primo fra i settori di Artigianart, la scultura in marmo attesta il suo predominio nella terra versiliese con l’adesione di numerose botteghe.
Sono luoghi in cui il trascorrere del tempo perde la sua inesorabilità e la bellezza esplode attraverso le magistrali opere scultoree che abilmente consegnano all’arte la terza dimensione, quella vera e tangibile. La lavorazione del marmo e della pietra è qui destinata ad affrontare i Secoli a venire, nelle varie forme in cui i materiali vengono forgiati.
Così in queste meravigliose botteghe, avvolte da una spiritualità che è fatta, senza contraddizione, di materia plasmata, ci si sente vicini all’infinito e sembra soddisfarsi quel perenne, fragile e umano anelito all’eternità.